Share

Museo degli strumenti musicali di Seborga

Nell’incantevole Principato di Seborga c’è un luogo magico almeno quanto la storia del piccolo borgo dalle suggestive ambizioni nobiliari. Parliamo di un luogo che racchiude centinaia di anni di storia della musica, un museo, realizzato dal signor Giuliano Fogliarino, classe 1948, che con pazienza ha collezionato un gran numero di strumenti musicali.

“Ho iniziato a raccogliere strumenti all’età di 17 anni – spiega il signor Fogliarino – e cosa mi abbia spinto a farlo, sinceramente, non lo so proprio. Lo sa che certe volte me lo chiedo anch’io? So s\olo che avevo un nonno, che però non ho conosciuto, che era maestro di musica. Mio papà mi raccontava che andava a piedi da Seborga a Vallebona con la lanterna per imparare a suonare e poi tornava quando era già buio. Ecco, forse il mio amore per la musica viene dal bisnonno”.

Per Fogliarino la musica è tutto. “Io negli anni ho collezionato 350 strumenti di ogni tipo, dal violino, alla tromba, alla fisarmonica – spiega – alcuni pezzi sono davvero antichi. Ce n’è uno datato 1610 di un maestro di Udine”

Pezzi importanti che, grazie al comune di Seborga, che ne ha compreso il valore artistico, ancor prima di quello commerciale, sono ora custoditi in una sala che funge da museo e che è visitabile solo su prenotazione contattando personalmente il signor Fogliarino.

“Sono molto orgoglioso e geloso dei miei strumenti – conclude – tanto è vero che tempo fa mi fu proposto di portarli a Sanremo per esporli, ma io ho rifiutato. Io sono di Seborga e voglio che rimangano qui dove ho sempre vissuto e da dove tutto è partito ben 43 anni fa. A chi mi chiama sono fiero di raccontare la mia storia e di mostrare i miei gioielli che fanno parte della mia vita e soprattutto hanno dato uno scopo alla mia esistenza di semplice contadino”

[Simona Maccaferri]

Available also in: enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) ruРусский (Russo)