Share

Tra Côte e Riviera

Geografia emotiva di un litorale

Nel Medioevo il toponimo Riviera includeva il tratto costiero della Liguria: al centro Genova e ai lati le riviere di Ponente e Levante. Risale infatti al 14 giugno 1180 la più antica citazione del termine “Riviera”, rintracciato in un antico cartuliario notarile savonese in cui si riporta la costituzione di una società per il commercio proprio in Riviera. Qualche anno dopo, nel 1198, in un atto notale di Genova si scopre che il termine Riviera è stato esteso e si allarga a Ponente fino a Montpellier.

Dal 1600 in avanti, con i commerci sempre più frequenti e i numerosi viaggi che vanno intensificandosi da tutta Europa creando la nobile tradizione del Grand Tour, il nome Riviera viene associato sempre più a un’immagine costruita su suggestioni.

Riviera passa allora a definire non tanto una zona geografica quanto un profilo turistico. È Riviera quella ligure, ma anche quella francese, che si apre subito dopo la frontiera di Ventimiglia. E il carattere internazionale della definizione è testimoniato dal passaggio immutato della parola Riviera in diverse lingue europee. L’immaginario turistico e letterario fonde i luoghi, sfruttando il carattere pressoché identico di territori limitrofi, entrambi caratterizzati dalla salubrità del mare e dalla dolcezza del paesaggio.

Accade però, nel 1887, che il politico e intellettuale francese Stéphen Liégeard pubblichi il libro-guida “La Côte d’azur”, minuzioso quaderno di descrizione di un viaggio da Hyères a Genova che mette in evidenza la storia, i paesi e i piacevoli caratteri mediterranei del litorale. Grazie al successo editoriale di quest’opera, il termine Costa Azzurra in poco tempo si fa etichetta perfetta per i luoghi rivieraschi di Francia che hanno come simbolico capoluogo Nizza. Una seconda geografia emotiva dopo quella che già aveva costruito l’immagine turistica della Riviera e che, grazie all’efficacia delle rappresentazioni letterarie e artistiche, ancora oggi richiama alla mente l’idea di vacanza, divertimento e lusso, di vedute marine e affascinanti giardini fioriti.

Scegliete voi quali luoghi visitare e come chiamare un territorio da sogno, se Riviera o Côte d’Azur. L’importante, al di là del nome, sarà viverlo, per scoprirlo giorno dopo giorno.

Alessandra Chiappori

Available also in: enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) deDeutsch (Tedesco) ruРусский (Russo)