Share

Un Palmeto con vista mare a Bordighera

Bordighera, un luogo bellissimo, appeso sul mare, quello Ligure verticale  descritto da scrittore e poeti. Un posto magico e unico. E’ il Palmeto di  Bordighera, sopra la zona di Arziglia, all’ingresso della cittadina.

Secondo la leggenda, è stato l’anacoreta e fabbro Sant’Ampelio, il santo  patrono di Bordighera, a portare i datteri dall’Egitto nel IV secolo.

L’origine del Palmeto attuale risale probabilmente al Medioevo, epoca della  costruzione della città. Nei secoli scorsi, la palma dattilifera ha assunto  rilevanza economica forte, costituendo un’attività importante per numerose  famiglie di Bordighera. Un tempo contava quasi trentamila palme, poi scese a  un migliaio nell’Ottocento. Non a caso Bordighera è definita “città delle palme”. La  celebrità internazionale della Riviera in gran parte era legata all’immagine  di piante esotiche, in particolare le palme del Palmeto di Bordighera, che  produceva foglie di palme per le feste religiose ebraiche e cristiane.

Quello di Bordighera è il palmeto di dattilifere più settentrionale del  mondo (43 gradi di latitudine). Un magistrato delle palme organizzava la  produzione e la vendita delle piante. E’ da queste che vengono ricavati i  “parmureli”, le pallide foglie, abilmente intrecciate, esibite nella  domenica che precede la Pasqua.

Uno dei principali fautori dell’introduzione della palma in Europa è stato  il paesaggista tedesco Ludwig Winter (1846-1912), tedesco di Heidelberg che  lavorò con la famiglia Hanbury per sette anni. Il suo Palm-Garten si trova  ancora oggi all’entrata della valle del Sasso, nel cuore dell’antico Palmeto  di Bordighera. Era, all’epoca, la più ricca raccolta di palme. Ludwig Winter  creò qui un vivaio a vocazione commerciale, destinato all’esportazione di  piantine in vaso e di un artigianato profano ispirato alla tradizione locale  dell’intrecciatura. Fu anche destinato all’acclimatazione di nuove specie e  all’accoglienza del turista.

Ancora oggi il fascino rimane immutato.

[Marco Scolesi]

Available also in: enEnglish (Inglese) frFrançais (Francese) deDeutsch (Tedesco) ruРусский (Russo)